Home ITA » Curia Vescovile » Ufficio comunicazioni sociali » Comunicati Stampa » Comunicati stampa 2018 » 13 ottobre: mostra “Ars Sacra: arte, chiesa e contemporaneità“ a Chiusa 

13 ottobre: mostra “Ars Sacra: arte, chiesa e contemporaneità“ a Chiusa   versione testuale

Ripensare e attualizzare il dialogo tra arte e Chiesa: è l’obiettivo a cui puntano il Südtiroler Künstlerbund, la Diocesi di Bolzano-Bressanone e il Museo civico di Chiusa con la mostra “Ars Sacra: arte, chiesa e contemporaneità“, nella quale cinque artisti si confrontano con altrettanti edifici religiosi in val d’Isarco nei quali collocano le loro opere. Inaugurazione sabato 13 ottobre alle 11 nel Museo civico di Chiusa, dove saranno presentati i cinque progetti.
 
AliPaloma e Daniele Alessi, Marianna Gostner, Thomas Huck, Giancarlo Lamonaca e Ivan Lardschneider sono gli artisti che dal 13 ottobre al 30 novembre 2018 si confrontano con cinque luoghi di culto in val d’Isarco, dove saranno esposte le loro opere: sono la chiesa di san Giuseppe Freinademetz a Millan, la chiesa dell’Ospizio a Chiusa, la chiesa della Santa Croce a Sabiona e le parrocchiali di Laion e Castelrotto. Grazie a queste installazioni, gli spazi della singola chiesa diventano luoghi di incontro fra arte contemporanea e tradizione religiosa, invitando a riflettere sul senso e sui valori della vita.
Nel Museo civico di Chiusa i cinque artisti presentano i loro progetti dal 13 ottobre al 3 novembre nell’ambito di una mostra. È prevista
 
l’inaugurazione
sabato 13 ottobre,
alle ore 11
nel Museo civico di Chiusa.
 
La mostra “Ars Sacra“ è frutto della collaborazione tra Südtiroler Künstlerbund, Diocesi di Bolzano-Bressanone e Museo civico di Chiusa. Un’iniziativa che vuole anche promuovere l’arte nello spazio pubblico e renderla fruibile. “I cinque progetti sono in relazione tematica con il luogo, la chiesa, la storia locale e gli abitanti. L’intenzione è quella di aprire prospettive e domande nuove su arte e chiesa, facendo diventare lo spazio sacro un luogo in cui arte contemporanea e tradizione religiosa si incontrano“, spiega Lisa Trockner, direttrice del Südtiroler Künstlerbund. L’incaricato diocesano dei beni culturali e ecclesiastici Peter Schwienbacher ricorda che “le chiese si aprono all’arte ma restano chiese, nelle quali si celebrano le funzioni religiose. Ogni chiesa costituisce, nella sua particolarità artistica e architettonica, una sfida che richiede un’interpretazione sensibile e specifica per quel luogo.“
In occasione della mostra viene pubblicato anche un catalogo che presenta le cinque chiese, i progetti artistici che ospitano temporaneamente e gli artisti che li hanno realizzati. Nelle singole chiese sarà a disposizione materiale informativo con la descrizione dei progetti e le biografie degli autori.
L’iniziativa di Südtiroler Künstlerbund, Diocesi e Museo civico di Chiusa parte da un’idea di Helga von Aufschnaiter e Lisa Trockner per il SKB, Peter Schwienbacher per la Diocesi e Sonya Hofer e Astrid Gamper per Chiusa. Coordina il progetto Lisa Trockner, a disposizione per ulteriori informazioni (Tel. 0471 977037, trockner@kuenstlerbund.org).