visualizzare il contenuto principale

Pregare a casa con la Luce di Betlemme

Dal 1992 la luce della pace di Betlemme è arrivata in Alto Adige. Anche quest'anno sarà ricevuta al confine del Brennero e poi distribuita in tutta la regione. Coloro che hanno portato a casa la fiamma della Terra Santa sono invitati a celebrare una liturgia domestica al suo bagliore. Fabian Tirler, assistente ecclesiastico dell'Associazione Scout Alto Adige (e-mail: kurat(at)pfadfinder.it), ha preparato per tale liturgia un modello di preghiera.

 

  • Informatevi (tramite newsletter della parrocchia, media locali, Internet...) quando e dove la Luce di Betlemme sarà distribuita nella vostra zona o quando e dove potrà essere presa in consegna.
  • Quando avrete portato la Luce a casa vostra, tenetela in un luogo sicuro. Non lasciate mai candele accese incustodite.
  • Se possibile, preparate per ogni persona una candelina (eventualmente usando un sottobicchiere).
  • Dividete i compiti e la lettura dei testi tra i partecipanti.
  • Posizionate la Luce di Betlemme (lanterna, candela) al centro del tavolo e spegnete se possibile altre fonti di luce elettrica.
  • Inizialmente cercate di fare silenzio in voi stessi e di contemplare la luce per un po' di tempo senza parlare.

Segno della croce

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

 

Ringraziamento per la Luce

Sia lode a Te, o Signore, nostro Dio. Tuo è il giorno e tua è anche la notte. La luce è il primo dono della Tua creazione. Ti ringraziamo per questa luce di Betlemme, per questo segno di pace natalizia.

Ti preghiamo: fa’ che la presenza di Cristo, il sole della giustizia, non venga mai a mancare nei nostri cuori, affinché possiamo uscire da questo tempo, oscurato dal timore e dal dubbio, per giungere alla Tua luce. Questo noi ti chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen.

Un celebrante accende la propria candelina dalla candela centrale e passa la luce a un altro fino a quando tutti i hanno una luce accesa davanti a sé.

 

Preghiera

Dio della luce e della pace, nel buio di questa sera (mattina) ci siamo riuniti nel tuo nome. Tu sei la luce che non conosce le tenebre. La luce della tua nascita risplende nel mondo.

Rimani con noi e illumina i nostri cuori perché diventiamo messaggeri di questa luce e della Tua pace. La Tua luce ci renda una cosa sola con Te e con gli altri. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

 

Lettura (Isaia 9,1.5-6)

Dal libro del profeta Isaia.

Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Perché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il potere e il suo nome sarà: Consigliere mirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace. Grande sarà il suo potere e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul suo regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il diritto e la giustizia, ora e per sempre. Questo farà lo zelo del Signore degli eserciti.

Parola di Dio.

 

Meditazione sulla lettura

Nel Bambino di Betlemme si adempie la promessa di Isaia: Gesù è la luce del mondo, che dona la sua pace. La sua luce splende anche nel nostro tempo, nella nostra vita. Egli vuole stabilire un regno di fratellanza anche oggi, nel nostro mondo. Come cristiani siamo chiamati a partecipare alla Sua opera e a illuminare le nostre realtà per diventare costruttori di pace.

 

Breve pausa di silenzio

Eventualmente anche i partecipanti possono esprimere i loro pensieri sulla lettura.

 

Intenzioni di preghiera

Pensiamo ora soprattutto a quelle persone che sperimentano il buio delle difficoltà della vita, e chiediamo a Gesù di donare loro la sua luce.

I celebranti formulano liberamente brevi intenzioni di preghiera:

O Signore, fa‘ risplendere la tua luce per…

Tutti rispondono:

Ascoltaci, o Signore.

 

Padre nostro

Riuniamo tutte le nostre intenzioni nella preghiera che Gesù stesso ci ha insegnato: Padre Nostro…

 

Preghiera

Grande Dio, nel buio della vita non ci lasci mai soli. Ci sei vicino e ci mostri la via della fiducia e della speranza.

Fa’ che possiamo riconoscere in Te la luce della nostra vita e con essa illuminare quella degli altri. Te lo chiediamo per Gesù Cristo, nostro Fratello e Signore. Amen.

 

Preghiera di benedizione

O Dio nostro Padre, tu sei l'origine e la fonte della luce, benedicici affinché possiamo diventare luce gli uni per gli altri.

Signore Gesù Cristo, tu ci hai dato le ricchezze del tuo amore, benedicici perché possiamo trasmettere il tuo amore.

Spirito Santo, che guidi le nazioni sulla via della pace, benedici affinché possiamo diventare messaggeri della tua pace.

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Arrivata la Luce della pace di Betlemme

Il 23 dicembre alle 18.30 nel duomo di Bolzano consegna della Luce con il vescovo Ivo Muser

Quest'anno per la 30.ma volta gli scout dell'Alto Adige, in collaborazione con altre associazioni, hanno portato la Luce della Pace di Betlemme in Alto Adige. La Luce della Pace è stata ufficialmente consegnata il 18 dicembre al Brennero dagli scout austriaci e presa in consegna dai rappresentanti degli scout altoatesini di lingua tedesca, dell'AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani) e del Gruppo giovani volontari dei vigili del fuoco. Alla cerimonia hanno presenziato i vescovi Ivo Muser e Hermann Glettler (Innsbruck), nonché il curato dell Pfadfinderschaft, l'associazione scout dell'Alto Adige, Fabian Tirler, e il parroco di Brennero, Corneliu Berea.

 Nel corso della celebrazione il vescovo Ivo Muser ha detto che la luce proveniente dalla Grotta della Natività di Gesù vuole donare speranza e fiducia in questo momento di tensioni, recriminazioni e aggressività verbali che sono aumentate molto nel secondo anno di pandemia da Covid. "Ringrazio tutti coloro che accettano e diffondono questa luce", ha detto il vescovo Muser. Il vescovo diocesano di Innsbruck Hermann Glettler ha sottolineato il significato simbolico della consegna nel luogo di confine del Brennero: "Per la trentesima volta gli scout danno un forte segno di solidarietà e legame consegnando la luce di Natale al passo del Brennero, storicamente significativo. È proprio per la sua storia movimentata, il cui impatto politico-emotivo è tornato in evidenza nelle crisi dei rifugiati e del coronavirus, che dare un segno in questo luogo è così importante".

 Il 23 dicembre alle 18.30 nel duomo di Bolzano è in programma una celebrazione di consegna della Luce, alla quale sarà presente anche il vescovo Ivo Muser.