visualizzare il contenuto principale

Pastorale della salute e del lutto

Il Vescovo Ivo Muser ne parla…

La pandemia da Coronavirus ha mostrato senza pietà cosa succede quando nella malattia e nel lutto si perde la rete della vicinanza umana. Ci ha mostrato l'urgenza di una nuova pastorale per la salute e il lutto. I nostri sacerdoti continuano a fare un lavoro importante in tal senso. Non parliamo mai abbastanza di questa pastorale concreta e silenziosa, che non fa notizia. La cura pastorale dei malati, degli anziani, dei moribondi, delle persone in lutto non può e non deve essere delegata al solo parroco. Deve essere la preoccupazione di tutta la comunità parrocchiale… Essere vicini a persone malate, anziane e in lutto è uno dei modi più concreti per vivere una spiritualità radicata nella sequela di Gesù.

L'inadeguatezza di un'interiorità astratta e disincarnata era particolarmente evidente nel difficile momento del lockdown totale, quando i malati e i moribondi non potevano più essere visitati o potevano essere visitati solo in misura molto limitata, quando la vicinanza fisica alle persone in lutto non era possibile e i funerali potevano aver luogo solo nella stretta cerchia. In nessun altro luogo del Vangelo si trova Gesù così spesso come tra i malati, gli afflitti, i feriti e le persone in lutto.

Già da tempo assistiamo a una privatizzazione strisciante e a una sempre maggiore mancanza di parole di fronte alla malattia e alla morte. La pandemia da coronavirus ha mostrato senza pietà cosa succede quando nella malattia e nel lutto si perde la rete della vicinanza umana. Ci ha mostrato l'urgenza di una nuova pastorale per la salute e il lutto. I nostri sacerdoti continuano a fare un lavoro importante in tal senso. Non parliamo mai abbastanza di questa pastorale concreta e silenziosa, che non fa notizia. La cura pastorale dei malati, degli anziani, dei moribondi, delle persone in lutto non può e non deve essere delegata al solo parroco. Deve essere la preoccupazione di tutta la comunità parrocchiale. Nel Convegno di ottobre, il giorno 23, approfondiremo questo importante aspetto della vita parrocchiale e mostreremo modelli per la pratica quotidiana.

Spero che questa importante tematica sia ripresa dai consigli pastorali parrocchiali e dai team pastorali delle parrocchie e portata avanti da molte persone volonterose. Essere vicini a persone malate, anziane e in lutto è uno dei modi più concreti per vivere una spiritualità radicata nella sequela di Gesù.

"Innehalten - darsi tempo per..." Il significato si esprime nell'atteggiamento del "per". Il nostro darsi tempo non deve essere un mettersi in mostra mentre il mondo va avanti. La sofferenza delle persone, la loro solitudine, la loro vulnerabilità non aspettano fino a quando noi siamo interiormente pronti e attrezzati. Darsi tempo per Cristo significa darsi tempo per la persona che soffre; prendersi tempo per le persone vulnerabili significa prendersi tempo per Cristo stesso.

(dal Discorso al Convegno Diocesano – Cusanus - Bressanone  18.09.2020)

Formazione

10 passi e buone prassi verso l'équipe per la Pastorale della Salute e del Lutto nell'unità pastorale e in Parrocchia

 

Per formare una EQUIPE sul territorio della tua Parrocchia / Unità pastorale,  da Novembre 2020 contatta:  paola.vismara(at)bz-bx.net

Per un volantariato consapevole...

...le varie Associazioni offrono opportunità formative. Cerca quella che fa per te!

Corsi online - Internet

Per chi non può impegnarsi “in presenza”, sono molte le occasioni di formazione offerte dall’Ufficio nazionale di Pastorale della Salute (UPS-CEI).

Per diventare assistente spirituale in ospedale

E’ una missione ecclesiale ed una professione retribuita: scopri requisiti e modi per diventarlo. Contatta chi lo è già da tempo…

Collaboriamo insieme

Il Settore di Pastorale della salute e del lutto è strettamente collegato con gli Assistenti spirituali in ospedale (ASO-KHS), la Caritas diocesana (Caritas e comunità e servizio Hospice ), l’Unitalsi e le altre Associazioni di volontariato; in Curia con il settore ‘Liturgia’, per quanto riguarda gli aspetti formativi legati al Sacramento dell’ “Unzione dei malati/infermi”, la benedizione dei morenti e le varie forme di esequie; con l’Ufficio Comunicazioni e i mass media diocesani per mantenere informate le comunità e le Parrocchie;  con l’Azienda socio-sanitaria di Bolzano (ASSB), con l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige e i rispettivi Comprensori Sanitari, con gli Assessorati comunali e provinciali, con la Federazione provinciale per il Sociale e la Sanità (FSS), senza dimenticare le Istituzioni pubbliche e private che sostengono in varie forme il benessere, la cura e l’assistenza di chi vive periodi brevi o lunghi di malattia.

A questo settore è assegnata la “Commissione Diocesana per la pastorale della salute e del lutto”, nella quale sono rappresentate varie Associazioni. I membri ricevono un mandato ufficiale da parte del Vescovo. La Commissione si riunisce 4 volte durante l’anno pastorale e può decidere per una riunione supplementare. La Commissione dura in carica 5 anni. L’attuale durerà fino al 2022.

Di più...

PREZIOSO E FRAGILE! Disabili e malati come cristallo!

Un nuovo appuntamento settimanale in cui far sentire l’ATTENZIONE DELLA CHIESA LOCALE alla MALATTIA e alla DISABILITA’.

Paola Vismara cercherà di dare VOCE A DISABILI E MALATI, A CHI LI ASSISTE IN VARI MODI, ALLE ASSOCIAZIONI attive sul TERRITORIO.  Focus anche SUI PASSI CHE SI FANNO A LIVELLO DIOCESANO nella Pastorale con persone disabili e nella Pastorale della salute e del lutto.

Non mancheranno le INTERVISTE a PERSONE che hanno sperimentato/sperimentano malattia e disabilità, ne fanno tesoro e le vivono con fede esemplare, diventando TESTIMONI PREZIOSI, come il cristallo, PROPRIO PER ESSERE FRAGILI!

Il mercoledì h.19.10 con replica il sabato h.13.10

Contatto

Paola Vismara
Referente per: Pastorale "Migrantes" | Pastorale con Sinti e Rom | Pastorale della salute e del lutto | Pastorale con persone disabili
Piazza Duomo 2
I-39100 Bolzano

Tel. +39 0471 306 235
Mobile +39 342 7756606
E-Mail paola.vismara@bz-bx.net
Renate Torggler
Rappresentante degli Assistenti spirituali in ospedale (ASO-KHS)
Via Lorenz Böhler 5 (Ospedale di Bolzano)
I-39100 Bolzano

Tel. +39 0471 908 254
E-Mail renate.torggler@sabes.it