visualizzare il contenuto principale

Giornata mondiale del migrante e del rifugiato

Sabato 25 settembre 2021 e domenica 26 settembre 2021
Bolzano: Rainerum // Parrocchia di Madre Teresa di Calcutta // Parco Semirurali

Domenica 26 settembre 2021 sarà la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato (GMMR): per l’occasione, Papa Francesco ha diffuso il messaggio: “Verso un NOI sempre più grande”. Qui trovate il testo integrale.

Al link https://migrants-refugees.va/it/ troverete video e altri materiali di approfondimento.

“Verso un NOI sempre più grande”: questo il tema della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2021, tema che incrocia quello diocesano “Vicini e assieme”, scelto per il 2021-2022 per costruire una società e una Chiesa che siano sempre più famiglia unificata nel NOI, rispettando la diversità e assicurando il futuro del Pianeta.

In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che nella Chiesa cattolica dal 2019 si celebra l’ultima domenica di settembre, l’Ufficio pastorale diocesano /settore Immigrati organizza insieme con Caritas e Volontarius alcuni eventi nella serata di sabato 25 e nel pomeriggio di domenica 26 settembre. Spettacolo teatrale, mostra fotografica, concerto e musica dal vivo, costituiscono una “speciale edizione” della Festa dei Popoli-Völkerfestival che dal 2011 al 2019 si viveva ai Prati del Talvera. Questi eventi si collocano nella 7.ma Settimana dell’Accoglienza (25.09 - 3.10) promossa in Trentino- Alto Adige dal CNCA.

Il programma si svolge in punti diversi di Bolzano:

  • in centro città: sabato 25 (ore 19-20) mostra fotografica con danze in stile balcanico all’Istituto Rainerum, a seguire (ore 20-22) spettacolo teatrale “RETI#” al Teatro Rainerum, con Salvatore Cutrì. Il tema della mostra e dello spettacolo è la rotta balcanica, una delle rotte migratorie più pericolosa, visitata da un gruppo di giovani bolzanini, tra cui la fotografa Giulia Pedron. (prenotazione obbligatoria per il teatro: festadeipopoli(at)volontarius.it). Green pass obbligatorio per mostra e spettacolo; ingresso gratuito.
  • nella Parrocchia “Madre Teresa” al Firmian: domenica 26 alle 15.30 Messa multilingue presieduta dal vescovo Ivo Muser (accoglienza ore 15). Dalle 16.45 nella Sala nell’oratorio,per i bambini: cartone animato “Yaron Daggi – fiaba di una bambina che vive nella savana” (a cura di Ide Maman) (bambini sotto i 12 anni: ammessi senza Green pass; ragazzi dai 12 anni in su + adulti: obbligo di Green pass.). Ore 17- 19: nella piazza antistante la chiesa, “Musiche dal mondo” con il gruppo Fordecao (con Stefano Màsera) e il duo per chitarra e violino (con Rodica Marian e Giorgio Cappelletto).
  • al Parco Semirurali: domenica 26, ore 20-22: concerto live della band “Skankin’Drops” (obbligo di Green pass + distanziamento dei posti a sedere; ingresso gratuito).

Ulteriori informazioni: paola.vismara(at)bz-bx.net.

Programma della Festa dei Popoli 2021

SABATO (25 settembre 2021)

ore 19-20: Apertura della Mostra fotografica*sulla “Rotta balcanica”: SALA DON BOSCO presso l’ISTITUTO RAINERUM;

GypsyMoonSisters: danze etniche in stile balcanico

ore 20.30-22.30: Spettacolo teatrale “RETI#” di Francesco Ferrara, interpretato da Salvatore Cutrì, sul tema della “Rotta Balcanica”; segue dialogo  col pubblico - TEATRO RAINERUM- Bolzano

INFO:
SALA ‘DON BOSCO’ presso l’ISTITUTO RAINERUM – Bolzano
Ingresso su esibizione del Green Pass. Esposizione fino a Mercoledì 22/9/’21,
Danze: all’aperto, nel cortile Rainerum oppure nell’Atrio della scuola
TEATRO RAINERUM - Bolzano
Ingresso su prenotazione: inviare mail a festadeipopoli@volontarius.it
Obbligo esibizione del Green Pass

 

DOMENICA (26 settembre 2021)

Ore 15:00 Accoglienza

Ore 15.30: Messa multilingue presieduta dal Vescovo Ivo Muser

Per i bambini:  all’interno (sala Oratorio)

dalle 16.45: cartone animato “Yaron Daggi – fiaba di una bambina che vive nella savana”

a cura di Ide Maman

17:00 - 19:00 “Musiche  dal mondo”  con il gruppo Fordecao (con Stefano Màsera) e il Duo per chitarra e violino (con Rodica Marian e Giorgio Cappelletto)

20:00-22:00 Concerto  della Band “Skankin’Drops”

 

INFO:
Chiesa “Madre Teresa” Bolzano/Firmian
(secondo le disposizioni vigenti per i posti a sedere e il distanziamento nelle chiese)
N° totale dei posti: 400, seduti e in piedi, secondo regole anti-Covid)

Sala della Parrocchia “Madre Teresa” Bolzano/Firmian
Bambini sotto i 12 anni: ammessi senza Green Pass;  ragazzi dai 12 anni in su + adulti:
obbligo esibizione di Green Pass.

Piazza antistante la Chiesa al Firmian   (sedie all’aperto, danze non permesse)
secondo le disposizioni vigenti per eventi pubblici all’aperto

Parco delle Semirurali - Bolzano
Obbligo esibizione del Green Pass + distanziamento dei posti a sedere

 

VENERDI (1° ottobre 2021)

Incontro aperto al pubblico

“VOCI DALL’AFGHANISTAN”

18 - 19.30, per sottolineare la condizione femminile dopo un mese del ritiro delle truppe americane e alleate. In collaborazione con Centro Pace e  l’Associazione ACABI (afghani di Bolzano).

Modera Floriana Gavazzi, giornalista

+ Mostra fotografica* sulla “Rotta balcanica”

INFO:
Presso SALA CONFERENZE al “Centro Pastorale – Pastoral Zentrum”
Piazza Duomo, 1 - Bolzano
Ingresso su prenotazione via MAIL: paola.vismara@bz-bx.net
Tel. 342 77 56 606
Obbligo esibizione del Green Pass

Origini della Giornata, evoluzione e cambiamenti

Per volere di Papa Francesco, dal 2019 l’ultima Domenica di Settembre viene celebrata in tutta la Chiesa cattolica la GIORNATA MONDIALE DEL MIGRANTE E DEL RIFUGIATO. Nel 2020 è stata il 27 settembre.

A causa delle limitazioni imposte dalla pandemia, non si è celebrata la tradizionale “Messa multilingue”, che dal 2006 al 2019 ha visto riunirsi attorno al Vescovo o al Vicario fedeli di varia nazionalità, nelle seguenti Parrocchie di Bolzano: Regina Pacis, Duomo-San Domenico, S. Maria in Augia.

  • Il messaggio del Papa 2020 è stato dedicato alla drammatica realtà degli SFOLLATI INTERNI – e non solo. Qui il testo integrale.
  • La celebrazione ‘multilingue’ del 2019 con il neo-vescovo Michele Tomasi
  • Il Dicastero Vaticano per lo Sviluppo Umano Integrale: materiali in varie lingue

Dal 2006 al 2018 questa giornata si celebrava nella seconda domenica dopo l’Epifania, come appuntamento annuale che ha sostituito e reso ‘mondiale’ quello che per molti decenni è stato nazionale: sottolineava infatti l’enorme emigrazione italiana verso l’estero.