visualizzare il contenuto principale

Lo stemma

Stemma

Lo stemma è a due colori: rosso(primo e quarto campo) e blu (secondo e terzo campo).
Nel primo campo è rappresentato lo stemma della diocesi di Bolzano-Bressanone: un agnello di colore argento con nimbo aureo che procede verso destra portando una bandiera argentea con una croce rossa.
Gli altri campi ( 2,3 e 4)rappresentano lo stemma personale del Vescovo.
Il secondo campo presenta una croce aurea pendente, il cui centro è coperto da un disco argenteo con le iniziali IHS, mentre le estremità dei bracci sono coperte da un rubino rotondo. Un rubino ovale sta nel mezzo della parte inferiore. Alla croce greca viene associato un simbolo cristologico che rappresenta l’ostia con monogramma di Cristo IHS, che si può intendere come Jesus hominum Salvator (Gesù salvatore degli uomini).
I rubini rappresentano le cinque piaghe di Gesù. I colori blu e oro nello stemma personale richiamano lo stemma del paese natale, Gais in Pusteria.
Nel terzo campo una stella aurea a sei punte, rappresenta Maria (stella mattutina). Poiché la stella è presente anche nello stemma cittadino di Bolzano, essa richiama anche la città dove risiede il Vescovo.
Nel quarto campo è rappresentata l’aquila di S. Giovanni di colore argento e ornata d’oro, che guarda indietro e in alto e porta nell’artiglio destro un libro nero: si tratta del Vangelo e quindi è un simbolo teologico, che rimanda a S. Giovanni evangelista, patrono della parrocchia natale di Gais.
  

Motto 

Su un nastro bianco si legge il motto in latino: “Tu es Christus” (Tu sei il Cristo) tratto da Matteo 16, 16 che ricorda la confessione di fede di Pietro in Gesù Cristo, riconosciuto come figlio di Dio

 

Insegne vescovili 

Dietro lo stemma una croce aurea è sormontata da un cappello prelatizio verde con sei nappe verdi che cadono da entrambe le parti dello stemma.
 
 
Progetto dello stemma e descrizione: Alexander Hohenbühel
Su indicazioni del Vescovo eletto Ivo Muser
Consulenza: decano del Duomo Ulrich Fistill, Direttore Eduard Scheiber e Karl Gruber