visualizzare il contenuto principale

Domenica di San Cristoforo 2021

Il prossimo 25 luglio la Diocesi di Bolzano-Bressanone celebra la domenica di San Cristoforo. Attraverso l’iniziativa che promuoviamo anche quest’anno nella Domenica di San Cristoforo, cerchiamo di raccogliere fondi per veicoli da destinare alle missioni. La missione ha bisogno di mobilità e i missionari hanno bisogno di veicoli per poter annunciare il Vangelo anche nei villaggi più lontani.

La Domenica di San Cristoforo non ci ricorda solo le responsabilità che ciascuno di noi ha ogni qual volta si mette in strada – non siamo mai da soli a viaggiare –, ma anche la nostra responsabilità verso la “casa comune”. Chiediamoci, di tanto in tanto: “Ho davvero bisogno oggi di usare la macchina o posso prendere i mezzi pubblici?”. La sostenibilità è anche al centro del pieghevole di quest’anno, all’interno del quale trovate the equo e solidale.

Lo scorso anno nella Domenica di San Cristoforo sono stati raccolti 261.395,48 euro, grazie ai quali è stato possibile acquistare 12 automobili, 2 motociclette, 7 minibus per il trasporto di studenti e bambini, 2 scuolabus, un’ambulanza e un camioncino.

Cari sacerdoti,
cari collaboratori dei gruppi missionari,


la missione ha bisogno di mobilità e i missionari hanno bisogno di veicoli per poter annunciare il Vangelo anche nei villaggi più lontani. Attraverso l’iniziativa che promuoviamo anche quest’anno nella Domenica di San Cristoforo, cerchiamo di raccogliere fondi per veicoli da destinare alle missioni.

Desideriamo in primo luogo rammentare che dovremmo essere grati ogni volta che torniamo a casa sani e salvi. La Domenica di San Cristoforo ci ricorda le responsabilità che ciascuno di noi ha ogni qual volta si mette in strada – non siamo mai da soli a viaggiare – e la nostra responsabilità verso la “casa comune”. Chiediamoci, di tanto in tanto: “Ho davvero bisogno oggi di usare la macchina o posso prendere i mezzi pubblici?”. La sostenibilità è anche al centro del pieghevole di quest’anno, all’interno del quale trovate the equo e solidale. Questo non è solo organico, ma anche certificato Fairtrade, il che significa che quando viene coltivato, gli ecosistemi sono protetti e sono salvaguardati gli habitat comuni di persone, animali e piante. Il marchio Fairtrade garantisce condizioni di lavoro eque e una coltivazione rispettosa dell’ambiente nei Paesi produttori.

San Cristoforo ci invita anche ad essere solidali con i missionari e le suore missionarie, i missionari laici e le missionarie laiche. Le offerte raccolte nella Domenica di San Cristoforo andranno ai sacerdoti che hanno bisogno di un’auto o di una moto per il loro lavoro pastorale e anche per i progetti sociali. Quest’anno ci sono state richiesti diversi mezzi: delle handbike, dei tricicli che i coltivatori di the in Vietnam vorrebbero usare per portare le foglie del loro the agli impianti di lavorazione, carretti trainati da cavalli che permetterebbero ad alcuni uomini in Eritrea di avviare un servizio taxi, con il quale potrebbero sfamare le loro famiglie.

Cari sacerdoti, per favore, aiutateci ancora una volta a promuovere la Domenica di San Cristoforo; potete ritirare gratuitamente da noi, all’Ufficio missionario diocesano, i pieghevoli con le bustine di the e distribuirli in chiesa in cambio di un’offerta.

Lo scorso anno nella Domenica di San Cristoforo sono stati raccolti 261.395,48 euro, grazie ai quali è stato possibile acquistare 12 automobili, 2 motociclette, 7 minibus per il trasporto di studenti e bambini, 2 scuolabus, un’ambulanza e un camioncino.

 

Vi ringrazio e vi saluto

Irene Obexer Fortin
Direttrice dell’Ufficio missionario - Missio


Bolzano, 14 maggio 2021

Azione S. Cristoforo 2021

La produzione del the equo e solidale

All’interno del pieghevole di quest'anno trovate the equo e solidale. Questo non è solo organico, ma anche certificato Fairtrade, il che significa che quando viene coltivato, gli ecosistemi sono protetti e sono salvaguardati gli habitat comuni di persone, animali e piante. Il marchio Fairtrade garantisce condizioni di lavoro eque e una coltivazione rispettosa dell’ambiente nei Paesi produttori.

Con questa bustina di the, scelta quest’anno per accompagnare l’Azione S. Cristoforo, la KMB (Katholische Männerbewegung Südtirol – gli uomini dell’Azione cattolica) e Missio intendono richiamare l’attenzione sull’uso attento e sostenibile del cibo:

  1. Da dove proviene il cibo che compriamo?
     
  2. Che viaggio ha fatto prima di arrivare sulle nostre tavole?
     
  3. I contadini che l’hanno prodotto sono sfruttati, mal pagati o, invece, ricevono un prezzo equo per i loro prodotti?


Anche quest’anno vogliamo guardare oltre i nostri confini locali e sostenere persone che vivono in Paesi lontani e, allo stesso tempo, con la colletta di S. Cristoforo desideriamo aiutare nei loro spostamenti i missionari, le suore missionarie e i nostri missionari laici.

Progetti da realizzare nel 2021

Anche quest’anno molte sono le richieste giunte all’Ufficio missionario diocesano per l’acquisto di auto, moto, biciclette. Tra queste anche una per un camion usato da impiegare in un progetto agricolo e una per uno scuolabus.

Tra le domande anche quella che riguarda la produzione, in Tanzania, di biciclette speciali per bambini, giovani e adulti diversamente abili. Una bicicletta costa circa 300 €. Il parroco don Tumaini ha chiesto 15 di queste biciclette.

Un progetto riguarda, poi, l’acquisto di diverse motociclette per i coltivatori di the in Vietnam. Molte sono le famiglie che nel Nord del Vietnam vivono grazie alla coltivazione di the verde. Dopo la raccolta, le foglie di questa pianta devono essere portate il più presto possibile all’impianto di lavorazione, perché il the verde non può fermentare. Per mantenere la qualità del prodotto, quindi, è molto importante che i coltivatori abbiano a disposizione dei mezzi di trasporto. Tra gli obiettivi che Missio si pone quest’anno, c’è il sostegno di alcune piccole cooperative di produzione, che non hanno ancora di questi mezzi.

Molti sacerdoti e catechisti si sono rivolti all’Ufficio missionario chiedendo un veicolo per poter visitare regolarmente le comunità, che spesso sono molto distanti tra loro. In Africa un sacerdote, che generalmente ha la propria sede nel centro abitato più grande, deve percorrere molti chilometri per raggiungere i vari villaggi della parrocchia e per fare questo è indispensabile un’auto.

Domenica di San Cristoforo 2021: Materiali e proposte