visualizzare il contenuto principale

Josef Mayr-Nusser:

"Essere testimoni…"

 

Giornate della memoria dal 30 settembre al 3 ottobre 2021

 

Da giovedì, 30 settembre 2021, a domenica, 3 ottobre 2021, un gruppo di organizzazioni e uffici diocesani invita a commemorare il beato Josef Mayr-Nusser. Tra altro saranno recitati nel Duomo di Bolzano il 2 ottobre alle ore 19 testi di Josef Mayr-Nusser, Franz Jägerstätter, Edith Stein, Alfred Delp SJ, Dietrich Bonhoeffer e Etty Hillesum. Mayr-Nusser viene citato con le seguenti parole:

 

La testimonianza è oggi la nostra unica arma potente. Davvero strano. Non la spada, non la forza, non il denaro, nemmeno l'influenza della capacità spirituale, del potere spirituale, nessuna di queste cose ci è comandata come indispensabile per stabilire il regno di Cristo sulla terra. Qualcosa di molto umile e tuttavia molto più importante è ciò che il Signore ci ha comandato: Essere testimoni... Comprendiamo ora il significato della parola di Cristo? Dobbiamo essere testimoni! Essere mossi dalla fede è quindi il presupposto fondamentale di ogni testimonianza. La testimonianza senza parole che il cristiano vive quotidianamente, a casa, al lavoro, nel campo, nell'officina, davanti alla gente. Che forza emana da un giovane che semplicemente vive una vita cristiana. ... Dobbiamo essere testimoni!

 

Il 4 ottobre 1944 Josef Mayr-Nusser rifiutò il giuramento delle SS ad Adolf Hitler. Fu poi imprigionato e morì durante il trasporto al campo di concentramento. Il suo coraggioso "No" a Hitler fu la conseguenza interiore del suo impegno sociale e cristiano, della sua formazione della coscienza e del suo atteggiamento di fede.

Anche oggi abbiamo bisogno di coraggio civile, di impegno verso gli altri, di coraggio e di dedizione. Particolarmente oggi, in vista delle grandi questioni che ci preoccupano: cambiamenti climatici, migrazioni, sfruttamento - e infine la pandemia.

Testimonianza, impegno, coraggio civile e dedizione sono necessari anche nel piccolo: a casa, tra amici, con noi stessi. La fede cristiana può essere la motivazione. Ma l'esempio di Josef Mayr-Nusser incoraggia anche il rinnovamento della chiesa stessa dal suo interno.

    Eventi e commemorazioni

    Presentazione del libro "Die katholische Jugend in Südtirol"

     

    Quando?  Giovedì 30 settembre 2021, ore 19:30
    Dove?  Bolzano, Centro Pastorale
    Altro da sapere?  In tedesco

    Il sentiero tematico Josef Mayr-Nusser

     

    Quando?  Sabato 2 ottobre 2021, dalle ore 14 alle 17.30.
    Dove?  Presso i luoghi della memoria in tutta Bolzano (vedi mappa)

    Sulle tracce di Josef Mayr-Nusser ... Le tappe del sentiero tematico possono essere percorse a piedi o in bicicletta in qualsiasi ordine. In ognuna i referenti vi racconteranno quale significato hanno avuto i vari luoghi per la vita del Beato di Bolzano. Dopo aver visitato tutte le stazioni, potrete anche portare a casa un piccolo ricordo.


    I luoghi della memoria (vedi mappa):

     

    1 Maso Nusser
    Incrocio Via Città di Sopron e Via Josef Mayr-Nusser

    2 Chiesa di San Giovanni in Villa
    Vicolo S. Giovanni

    3 Chiesa del Sacro Cuore
    Via della Roggia

    4 Casa Kolping
    Largo Kolping/piazza Domenicani

    5 Sede San Vincenzo
    Via dei Cappuccini

    6 Negozio Amonn
    Piazza Municipio

    7 Centro per la pastorale giovanile „Josef Mayr-Nusser“
    Piazza Silvius Magnago

    8 Stazione
    Viale della Stazione

    9 Duomo e rovine di San Nicoló
    Piazza Duomo

     

    In caso di maltempo il percorso si svolge in piazza Duomo.

    S. Messa commemorativa
    Duomo di Bolzano, 2 ottobre 2021, ore 18

     

    "Essere testimoni …" - Parole e musica nel duomo di Bolzano

    Quando?  Sabato 2 ottobre 2021, ore 19
    Dove?  Duomo di Bolzano
    Chi? Katholisches Forum

     

    Testi di Josef Mayr-Nusser, Franz Jägerstätter, Edith Stein (Sr. Teresia Benedicta a Crucis), Alfred Delp SJ, Dietrich Bonhoeffer e Etty Hillesum.

    Letti da Alessandra Kerschbaumer e Rudi Gamper.

    Musica di Pēteris Vasks, Arvo Pärt, Stephen Hough e Anton Heiller.

    Interpreti: Maria Tutzer (violoncello), Hans Tutzer (sax), Leonhard Tutzer (organo)

    Spettacolo teatrale "No! Josef e altri coraggiosi che dissero no a Hitler e a Mussolini"

     

    Quando?  Domenica 3 ottobre 2021, ore 18
    Dove?  Teatro Comunale di Gries
    Altro da sapere? In italiano

    In occasione dell’anniversario della ricorrenza liturgica del beato Josef Mayr-Nusser (03 ottobre), si terrà lo spettacolo teatrale “No! Josef e altri coraggiosi che dissero no a Hitler e a Mussolini”, creato dall’attore Matteo Mirandola.

    Ripercorriamo la storia della Seconda Guerra Mondiale attraverso le parole, le lettere, i versi di chi ha detto no a Hitler e a Mussolini. Su tutti rivivremo la vita di Josef Mayr-Nusser, che è un esempio tuttora di umanità e cristianità. 

    Uno spettacolo dove monologhi, lettere, scene mimiche, canzoni e musiche dal vivo e registrate si intrecciano per dare vita a uno spettacolo storico, umano. 

    Spettacolo realizzato ed interpretato da Matteo Mirandola.
    Musiche dal vivo di Alessandra Lunghi, violoncello e Alessandro Zonzin, violino.

    Quando?  Domenica 3 ottobre 2021, ore 20.30
    Dove?  Teatro Cristallo, via Dalamazia 30, Bolzano

     

    "Bozen-Bolzano/Erlangen - La cerchia di Peppi Nusser"
    un film di Marco Sonna e Martin Streitberger

    In occasione della memoria liturgica del Beato Josef Mayr-Nusser è proposto un nuovo documentario che indaga il gemellaggio tra le città di Bolzano ed Erlangen.
    Ricordi di testimoni si intrecciano con esperienze attuali. La musica sperimentale del figlio Albert è utilizzata come accompagnamento. Il film fa luce sulla sua discussa figura e ne offre una visione intima e obiettiva inquadrando il significato del suo martirio.

    Ingresso gratuito

    Prenotazione obbligatoria sul sito www.teatrocristallo.it o presso la cassa del Teatro Cristallo

    Josef Mayr-Nusser: coraggioso - cristiano - solidale

    Josef Mayr-Nusser nacque il 27 dicembre 1910 al Maso Nusser (Nusserhof) ai Piani di Bolzano. Dopo le scuole commerciali lavorò come contabile a Bolzano. I suoi punti di riferimento furono san Tommaso d’Aquino, l’inglese san Tommaso Moro e Peter Mayr, patriota tirolese, che preferì morire piuttosto che mentire. Josef risaltava soprattutto per la sua fede profonda.

    Nel settembre del 1943 l’Alto Adige fu occupato dalle truppe tedesche. Nel settembre del 1944 Josef fu arruolato nelle SS. Con altri 80 altoatesini giunse a Konitz nella Prussia occidentale, arruolato nelle file delle SS combattenti. Josef partecipò al periodo di addestramento, ma il giorno prima del giuramento dichiarò che, per motivi di coscienza, non avrebbe potuto prestarlo. I compagni tentarono di dissuaderlo. Tale decisione fu il frutto di un lungo percorso interiore, come si evince dalle sue lettere e dai suoi interventi.

    Josef fu condannato a morte dal tribunale di Danzica con l’accusa di “disfattismo”. Il treno diretto a Dachau dovette sostare nei pressi di Erlangen per otto giorni a causa dei binari distrutti. A Erlangen Josef Mayr morì di stenti il 24 febbraio 1945 in un vagone bestiame. Ha trovato la sua sepoltura definitiva nel Duomo di Bolzano, dove è  stato proclamato beato il 18 marzo 2017.

    Di più...